Gio 28 Set 2017 | Categoria: Cosa di nuovo

Il Ministero della Salute ha pubblicato l’atto di indirizzo per il 2018

Pubblicato l'atto di indirizzo per l'individuazione delle priorità politiche per il 2018 del Ministero della Salute. Il provvedimento individua le seguenti linee di intervento cui il Ministero assegna valenza prioritaria: l'efficientamento complessivo dei processi organizzativi e di erogazione dei servizi, maggiore appropriatezza dei setting assistenziali, introduzione di più Information and Communications Technology in sanità, definizione di nuove modalità di pricing dei farmaci innovativi e nuove regole per la definizione del SSN in ottica di investimento anziché di spesa e dunque di strumento per la produzione di ricchezza.
 
Il documento definisce nove obiettivi strategici per il prossimo triennio a cui vengono ricondotte le priorità precedentemente indicate: 
  • Prevenzione;
  • Comunicazione;
  • Politiche in materia di ricerca sanitaria;
  • Politiche sanitarie internazionali;
  • Promozione della qualità e dell’appropriatezza sanitaria;
  • Sistema informativo e statistico sanitario;
  • Dispositivi medici, stupefacenti e altri prodotti di interesse sanitario;
  • Promozione della salute pubblica veterinaria e della sicurezza degli alimenti;
  • Politiche per l’efficienza gestionale.
 
Nel paragrafo sulla Sicurezza degli Alimenti e nutrizione, nello specifico, si fa riferimento agli integratori alimentari a base vegetale per cui "è prevista l’entrata in vigore di un nuovo decreto ministeriale (già preventivamente notificato alla Commissione europea il 28 giugno 2017), destinato a sostituire il vigente DM 9 luglio 2012 con un’unica lista delle piante ammesse" che completa la lista BELFRIT. "Altri ambiti di intervento - si legge nel documento - dovranno riguardare, come già negli anni precedenti: la sicurezza e il corretto uso degli integratori alimentari; la sicurezza degli alimenti addizionati di vitamine, minerali e altre sostanze." Si annuncia anche il prossimo avvio della digitalizzazione della procedura di notifica al Ministero della Salute.