mar 25 febbraio 2020 | Categoria: Cosa c'è di nuovo

Integratori alimentari per cittadini più sani e un’economia più forte in Europa

Il 18 febbraio scorso si è tenuta Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, una tavola rotonda dell’EHMP (European Federation of Associations of Health Product Manufacturers), Federazione che rappresenta circa 1.600 produttori e distributori (principalmente PMI) di prodotti per la salute di 14 paesi europei, in cui è stato presentato il manifesto dal titolo “Food Supplements for healthier citizens & a stronger economy in the EU”.  Nel documento la Federazione Europea ha illustrato il ruolo degli integratori alimentari nel mantenimento della salute, il positivo andamento del settore e le conquiste a livello legislativo e normativo ottenute in questi anni. Con il manifesto ha inoltre indicato gli aspetti sui quali è ancora necessario lavorare affinché l’integratore alimentare e il relativo comparto industriale possano raggiungere il loro pieno potenziale, riportate in sintesi qui di seguito.

Riconoscimento reciproco e revisione della legislazione alimentare generale

Per agevolare un maggiore accesso delle aziende produttrici di integratori alimentari al mercato europeo, l’EHPM ha espresso parere favorevole alla revisione del “Regolamento sul reciproco riconoscimento”, che dovrebbe favorire la libera circolazione dei prodotti in Europa, e ha richiesto consultazioni preliminari tra le aziende e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per la revisione della legislazione alimentare generale (General Food Law Regulation).

Legislazione europea in materia di indicazioni nutrizionali e sulla salute

In risposta al numero ancora ridotto di health claims autorizzati a livello europeo, l’EHPM ha contribuito allo sviluppo del Regulatory Fitness and Performance (REFIT), un processo di valutazione della legislazione europea in materia di nutrizione e indicazioni sulla salute, con l’obiettivo di far inserire nel percorso approvativo il riconoscimento del requisito del rigore scientifico, di sviluppare una procedura più pratica per le aziende produttrici e soprattutto di fornire ai consumatori un maggior numero di informazioni sui prodotti che acquistano e consumano.

Un approccio su misura per la valutazione della sicurezza dei botanicals

L’EHPM ha richiesto un approccio su misura per l’applicazione dell’Art. 8 del regolamento 1925/2006, che valuta la sicurezza degli ingredienti e che può essere applicato anche ai botanicals, che rappresentano oltre il 60% del mercato degli integratori alimentari in Europa. In questo senso, l’EHPM sta sviluppando in collaborazione con gli ambienti universitari europei, delle linee guida specifiche per la valutazione della sicurezza dei botanicals.

Riconoscimento del termine “probiotico”

Per l’attuazione di un processo di etichettatura che crei fiducia e permetta ai consumatori di effettuare scelte consapevoli rispetto ai prodotti da acquistare e consumare, l’EHMP si è espresso in favore dell’uso del termine “contiene probiotici” sulle etichette delle confezioni nel mercato europeo.

Supporto all’innovazione

L’innovazione è fondamentale per lo sviluppo del settore degli integratori alimentari; purtroppo l’attuale incertezza del quadro normativo europeo, che rende altamente imprevedibili gli esiti dei processi approvativi, non favorisce gli investimenti delle aziende in questa direzione. L’EHMP ha richiesto una revisione del sistema di valutazione degli health claims, affinché vi sia una procedura più strutturata che offra alle aziende maggiori garanzie in termini approvativi e quindi favorisca gli investimenti nello sviluppo di prodotti innovativi.

E-commerce e fake news

Sulle vendite on-line di integratori alimentari, l’EHMP ha richiesto maggiore regolamentazione affinché l’e-commerce rispetti le stesse procedure dei prodotti venduti nei canali distributivi tradizionali e per evitare la concorrenza sleale da parte di quei paesi in cui il sistema normativo risulta meno rigido.

Priorità dell’EHPM per il periodo 2019-2024: sicurezza, qualità, sostenibilità, trasparenza per i consumatori.

Per rispondere alle priorità del prossimo futuro (sicurezza, qualità, sostenibilità, trasparenza) l’EHPM ha dato pieno supporto al programma europeo “Farm to Fork”, finalizzato a garantire la trasparenza dell’intera catena distributiva, promuovendo l’importanza della sicurezza e della qualità degli ingredienti alimentari utilizzati nei prodotti. L’EHMP ha per questo sviluppato la “EHPM Quality Guide”, con l’obiettivo di fornire alle aziende un riferimento pratico e concreto durante tutto il processo di produzione per garantire elevati standard di qualità.

 

 

Annulla