dom 1 luglio 2018 | Categoria: Il Nostro Mercato

Mercato degli integratori: dinamiche distributive aggiornate ad aprile 2018

 

Il mercato totale degli integratori alimentari ha sviluppato nell’anno mobile terminante ad aprile 2018 un valore di poco più di 3 miliardi di euro, che si traduce in 220 milioni di confezioni vendute.
Il trend a valore si conferma positivo con un incremento del 5,8% rispetto all’anno precedente, confermando il tendenziale assestamento tra +5% e +6% osservato nei mesi precedenti1. La tendenza positiva continua ad essere guidata dai risultati della farmacia, che nell’ambito dei canali monitorati, assorbe circa l’81% dei consumi e rappresenta una quota di oltre il 91% del valore delle vendite.
 
 
In termini di consumi, la farmacia cresce nell’anno mobile terminante ad aprile di 3,8 punti percentuali.
La grande distribuzione, invece, rappresenta quasi il 20% dei consumi nell’ambito dei canali monitorati, con il trend dei volumi di vendita registrato negli ipermercati e supermercati a scaffale, piuttosto allineato a quello generale, pari a +5,8%.  Si evidenzia inoltre un andamento dei consumi marcatamente positivo nei corner situati all’interno di ipermercati e supermercati (+12,5%).
L’andamento dei consumi sostiene incrementi del fatturato del 5,6% in farmacia, del 6,9% negli ipermercati e supermercati e del 14,8% nei corner pharma.

Per quel che riguarda la dinamica dei prezzi, in farmacia il prezzo medio al pubblico si attesta a 15,75 euro e subisce un lieve incremento rispetto al periodo precedente (+1,7%); nel mass market, invece, il prezzo è pari a 5,29 euro in aumento rispetto all’anno precedente (+1,1%), e nei corner pharma il prezzo raggiunge il valore finale di 13,32 euro mantenendosi piuttosto stabile rispetto allo scorso anno (+2%)2.

Andamento delle categorie protagoniste del mercato.

Analizzando le categorie che rappresentano oltre l’80% del mercato totale a valore, gli incrementi più significativi e superiori al trend totale a valore (+5,8%) sono riportati, in ordine decrescente di fatturato generato dalla categoria, dai sali minerali (+10,3%), dagli antiacidi e antireflusso (+10,8%) e dai prodotti per memoria e funzioni cognitive (+9,6%)3.
Mentre risulta sostanzialmente stabile l’andamento dei venotonici (+1,3%), degli integratori per le funzioni immunitarie (-0,6%), per la salute degli occhi (-0,1%) e per la gravidanza e l’allattamento (+1%). Flettono invece i prodotti per il controllo peso (-6,5%) e gli antiossidanti multifunzionali (-4%).
 
 
Spostando l’attenzione sul primo quadrimestre, trovano conferma le tendenze osservate sull’anno mobile, in alcuni casi con accenutazioni positive o negative.
Nel primo quadrimestre4 si osservano incrementi significativamente superiori al trend generale (+5,2%) nei segmenti delle vitamine (+11,5%) e delle articolazioni (+10,6%). Flettono invece gli integratori per la salute degli occhi (-2,3%) e i prodotti per il controllo peso (-15,1%), a seguito di un calo dei consumi registrano un decremento a valore anche gli antiossidanti multifunzionali (-1,2%).
 
Nel mese di aprile, dopo i risultati negativi di marzo, si registra una ripresa sia a valore sia a volume degli integratori in farmacia in un contesto generale del canale in leggera flessione in termini di fatturato rispetto allo stesso mese del 2017.
I tonici (+11,9%), i multivitaminici e multiminerali (+12,7%), le vitamine (+13,2%), gli integratori per il benessere delle articolazioni (+12,6%) e il segmento degli anticaduta, che comprende gli integratori per la pelle e annessi cutanei (+13,4%), si distinguono in quanto presentano trend a valore di 5 punti superiori all’andamento riportato dal mercato totale nel mese e in crescita del 6,9% rispetto allo stesso mese del 2017. Sono invece negativi anche nel mese di aprile i risultati riportati dai segmenti relativi a funzioni immunitarie (-4,4%), salute degli occhi (-1,8%) e controllo del peso (-18,9%).
Registrano infine una flessione nel mese di aprile anche gli integratori per il benessere delle vie urinarie (-3,7%).  
 
Il riferimento è ai trend rilevati nei seguenti anni mobili: gennaio, febbraio e marzo 2018.
Per maggiori approfondimenti sull’analisi dei prezzi si vedano il file excel e l’analisi del comparto Integratori aggiornati ad aprile 2018.
Si specifica che le categorie di prodotti sono riportate come da visione di mercato New Line Ricerche di Mercato e IRi e non intendono proporre indicazioni salutiste degli integratori alimentari che rimangono soggette al vigente quadro normativo (Reg. (CE) 1924/2006 e successivi aggiornamenti).
Il periodo di riferimento è il progressivo corrente (gen – apr 2018).
 
Annulla